Spia russa avvelenata in Inghilterra: noi pensiamo al Mondiale

Home»Esteri»Spia russa avvelenata in Inghilterra: noi pensiamo al Mondiale
Spia russa avvelenata in Inghilterra: noi pensiamo al Mondiale

Sergei Skripal, spia russa e la figlia Yulia sono stati ritrovati su di una panchina della cittadina inglese di Salisbury in fin di vita, a causa di un avvelenamento di gas nervino come confermato in seguito all’inchiesta degli investigatori britannici.

Un vero e proprio caso diplomatico si è aperto fra Russia ed Inghilterra, visti anche i precedenti di Sergei, già arrestato nel 2010 per aver rivelato al Paese della Regina informazioni private. Egli vive in Inghilterra da otto anni in seguito ad uno scambio di spie fra i due paesi ed è il secondo caso dopo quello di Litvinenko del 2006.

Vediamo che è accaduta una situazione così tragica“, ha riferito ai cronisti il portavoce del presidente Vladimir Putin, Dmitrij Peskov, “ma non abbiamo informazioni su quale potrebbe essere la causa e cosa abbia fatto questa persona“.

Inizialmente sembrava si trattasse solo di un sospetto di avvelenamento, ma le indagini hanno rivelato come si sia trattato effettivamente di tentato omicidio, visto che i due versano ancora in gravi condizioni. In realtà non se la passa bene nemmeno il primo poliziotto corso sul luogo del misfatto, a sua volta rimasto avvelenato. Le forze dell’ordine hanno subito posto in sicurezza la zona, rassicurando l’intera cittadinanza, vista la pericolosità della sostanza propagata anche in piccola misura.

In tutto questo e in un caso riguardante una spia, l’Italia cosa c’entra? Ebbene, è dalla clamorosa e luttuosa eliminazione con la Svezia negli spareggi per i prossimi Mondiali che i media provano dietro ogni tragedia o crisi politica ad infilare gli azzurri in ottica di un clamoroso ripescaggio. E visto che l’Inghilterra è qualificata alla prossima kermesse e che questa si terrà proprio in Russia, ecco che sono state colte al balzo le parole del Ministro Johnson sulla vicenda.

Sarebbe molto difficile immaginare che la rappresentanza del Regno Unito ai mondiali di calcio di quest’estate possa andare avanti nel modo normale“, ha sentenziato il Ministro in seguito al caso della spia russa. L’ennesima inutile illusione del nostro Paese.

 

 

Share Button

Leave a Reply

Your email address will not be published.