David Byrne: l'artista poliedrico e "mente" del Rock

Home»Media News»David Byrne: l’artista poliedrico e “mente” del Rock
David Byrne: l’artista poliedrico e “mente” del Rock

Il 9 marzo uscirà l’ultimo lavoro di David Byrne, American Utopia, con cui l’artista collabora con 25 musicisti. La presentazione del suo nuovo album, ha prodotto più critiche che consensi per un motivo “sociale”. Nell’elenco dei suo collaboratori non compare neanche una donna. Il compositore scozzese si è scusato per questo suo errore, sottolineando che la disparità di genere è un tema “molto importante per me”. Al di là della polemica, Byrne si conferma con questo album la “voce pensante” del Rock. Del resto, un artista poliedrico come lui non poteva che tirare fuori un album dal forte impatto sociale, dalla questione armi, che tanto tiene in ansia l’America, a quella sugli immigrati. Ma chi è David Byrne? Ecco tre cose che non tutti sanno.

Un premio per tutto

David Byrne ha vinto ogni premio che un’artista non inquadrabile nella semplice categoria del “musicista“, possa aspirare. Gli manca solo il nobel. Premio Oscar e Golden Globe nel 1988 oltre ad un Grammy l’anno successivo, per la colonna sonora de L’ultimo imperatore (scritta con la partecipazione di Ryuichi Sakamoto e Cong Su), ha vinto anche due David di Donatello per il miglior musicista e la miglior colonna sonora nel 2012 per This Must Be The Place. A questi premi va aggiunto l’ingresso nella Rock and roll Hall of fame  nel 2002.

Il legame con Microsoft

David Byrne è sempre stato un’artista originale e per capirlo basta pensare al suo legame con la Microsoft di Bill Gates. Nel 2001, la “madre di Windows” scelse una versione ridotta del singolo di Byrne, Like Humans Do, come campione per la presentazione di Media Player. Due anni più tardi, l’artista pubblicò un libro molto particolare. Intitolato, Envisioning Emotional Epistemological Information, aveva in allegato un dvd che comprendeva tutti  i lavori composti esclusivamente con Microsoft Power Point.

Sindrome di Asperger

David Byrne è affetto dalla sindrome di Asperger. La notizia è stata data da Tina Weymouth, ex bassista dei Talking Heads nel 2003, in un’intervista in cui accusava pesantemente Byrne. Lo stesso musicista lo ha ammesso nel 2009, affermando, però, di non esserne più affetto in quanto era stato in grado di incanalarlo attraverso la musica.

Secondo il Dr. Tony Attwood, autorità mondiale sulla Sindrome di Asperger, la funzionalità può migliorare in un individuo con AS al punto in cui diventa un tratto della personalità piuttosto che un disturbo, ma non esiste ancora una cura.  Dal che se ne deduce che Byrne ne è ancora affetto.

 

Share Button

Leave a Reply

Your email address will not be published.